Attenzione ai termini di servizio di Google Drive

di il 25 aprile 2012 · 4 commenti

in Notizie

Privacy dei file caricati su Google Drive

Nel testo che riporta i termini di servizio di Google è presente una frase che dovrebbe essere letta da tutti coloro i quali si apprestano ad installare Google Drive, il nuovo servizio di Google per l’archiviazione e la sincronizzazione dei file.

La frase “incriminata” è la seguente:

Quando carica o invia in altro modo dei contenuti ai nostri Servizi, l’utente concede a Google (e a coloro che lavorano con Google) una licenza mondiale per utilizzare, ospitare, memorizzare, riprodurre, modificare, creare opere derivate (come quelle derivanti da traduzioni, adattamenti o modifiche che apportiamo in modo che i contenuti dell’utente si adattino meglio ai nostri Servizi), comunicare, pubblicare, rappresentare pubblicamente, visualizzare pubblicamente e distribuire tali contenuti. I diritti che concede con questa licenza riguardano lo scopo limitato di utilizzare, promuovere e migliorare i nostri Servizi e di svilupparne di nuovi. Questa licenza permane anche qualora l’utente smettesse di utilizzare i nostri Servizi (ad esempio nel caso di una scheda di attività commerciale aggiunta a Google Maps). Alcuni Servizi potrebbero offrire modalità di accesso e rimozione dei contenuti forniti a tale Servizio. Inoltre, in alcuni dei nostri Servizi sono presenti termini o impostazioni che restringono l’ambito del nostro utilizzo dei contenuti inviati a tali Servizi. L’utente dovrà assicurarsi di disporre dei diritti necessari per concederci tale licenza rispetto a qualsiasi contenuto inviato ai nostri Servizi.

Tanto per fare un confronto, i termini di utilizzo di Dropbox (un servizio analogo a Google Drive) riportano quanto segue:

By using our Services you provide us with information, files, and folders that you submit to Dropbox (together, “your stuff”). You retain full ownership to your stuff. We don’t claim any ownership to any of it. These Terms do not grant us any rights to your stuff or intellectual property except for the limited rights that are needed to run the Services, as explained below.

Stando ai termini di utilizzo, è abbastanza chiaro che Google si riserva un po’ troppe libertà sui file caricati dagli utenti. Questo problema è la logica conseguenza dell’unificazione dei termini di servizio di tutti i prodotti Google introdotta pochi mesi fa.


Non vuoi perdere gli aggiornamenti di Motoricerca e ricevere anche preziosi ed utili consigli per ottimizzare il tuo sito? Iscriviti alla NEWSLETTER.

1 Enrico 25 aprile 2012 alle 14:58

Scusa, Tiziano, ma che senso ha comparare una frase di Dropbox dedicata al concetto di PROPRIETA’, in cui dicono “tu rimani proprietario di quello che è tuo” con una frase di Google che parla di tutt’altro?

La cosa corretta da fare è comparare le due frasi dedicate entrambe al concetto di proprietà, ovvero:

Dropbox: “You retain full ownership to your stuff. We don’t claim any ownership to any of it.”
Google: “You retain ownership of any intellectual property rights that you hold in that content. In short, what belongs to you stays yours.”

:)

2 Tiziano Fogliata 25 aprile 2012 alle 19:04

Ciao Enrico,
la parti che trovo più interessanti però sono queste:

“l’utente concede a Google (e a coloro che lavorano con Google) una licenza mondiale per utilizzare, ospitare, memorizzare, riprodurre, modificare, creare opere derivate (come quelle derivanti da traduzioni, adattamenti o modifiche che apportiamo in modo che i contenuti dell’utente si adattino meglio ai nostri Servizi), comunicare, pubblicare, rappresentare pubblicamente, visualizzare pubblicamente e distribuire tali contenuti”

VS

“These Terms do not grant us any rights to your stuff or intellectual property except for the limited rights that are needed to run the Services, as explained below.”

E’ poi vero che Google specifica che:

“I diritti che concede con questa licenza riguardano lo scopo limitato di utilizzare, promuovere e migliorare i nostri Servizi e di svilupparne di nuovi.”

Però alcune parole lasciano spazio a dubbi ;)

3 NoTrace Security 1 maggio 2012 alle 11:19

Basta Semplicemente cifrare i file e google non saprebbe cosa farne
ad esempio si può configurare un software di backup tipo cobianBackup che archivi su google drive i nostri documenti impostando una cifratura.
oppure comprimere i documenti con winrar o 7zip impostando una password

4 Tiziano Fogliata 1 maggio 2012 alle 19:09

Si, questa è sicuramente un’ottima soluzione per i file che si desiderano archiviare su Google Drive.

I commenti a questo post sono chiusi.

Post precedente:

Post successivo: