Cosa farà Google per tornare su iOS con le proprie mappe?

di il 19 settembre 2012 · 3 commenti

in Novità

Con l’arrivo di iOS 6, il nuovo sistema operativo mobile di Apple rilasciato oggi, gli utenti dovranno dire addio all’app di Google Maps che ha “tenuto loro compagnia” per tutti questi anni. Il servizio di Google è stato infatti rimpiazzato con una soluzione made in Apple e basata sulle mappe di TomTom.

Google Maps visto su iPhone con iOS 6

Navigando sul sito Google Maps con Safari ora appare una sorta di messaggio pop-up che invita a salvare l’URL di Google Maps sulla schermata principale del proprio dispositivo iOS. Una soluzione che non è minimamente paragonabile ad un’app vera e propria.

La nuova versione del sistema operativo Apple  ha rimosso anche l’app dedicata ai video di YouTube, ma Google ha potuto provvedere per tempo rilasciando una propria app dedicata.

Le precedenti app di Google Maps e di YouTube per iOS erano state sviluppate in collaborazione con la società di Cupertino e Google spera di poter riuscire a portare ancora il proprio servizio mappe su piattaforma iOS.

Ecco ad esempio le parole che Jeff Huber, un dirigente Google che si occupa del settore mappe ha scritto in un post sul suo profilo Google+ alcuni mesi fa:

We look forward to providing amazing Google Maps experiences on iOS.

Non rimane quindi che aspettare per vedere se e quando Google tornerà sugli schermi dei dispositivi iOS con una propria app dedicata alle mappe, sempre che Apple le dia il permesso ;)


Non vuoi perdere gli aggiornamenti di Motoricerca e ricevere anche preziosi ed utili consigli per ottimizzare il tuo sito? Iscriviti alla NEWSLETTER.

1 Luca Bove 20 settembre 2012 alle 8:57

Il fatto è che dopo un dominio durato qualche anno da parte di Google nel mondo delle mappe, tutti i concorrenti hanno capito che è una nuova miniera d’oro e vogliono ritagliarsi il proprio spazio…

Quello che mi stupisce è come mai ci abbiano messo tanto tempo a (cercare di) creare una qualche concorrenza alle Google Maps…

C’è da dire poi che anche google si è dato da solo la zappa sui piedi quando ha deciso (e poi è ritornata almeno parzialmente sui suoi passi) di far pagare l’uso massiccio delle Api delle google maps. Questo ha fatto comprendere che c’era qualcosa che non andava… e i concorrenti si sono finalmente fatti vedere.

2 Tiziano Fogliata 20 settembre 2012 alle 10:08

Concordo Luca, in effetti è stata quella mossa di Google ha smuovere le acque.

3 Silvano Garello 22 settembre 2012 alle 0:15

Le mappe di iOS 6 hanno qualche problema…
http://theamazingios6maps.tumblr.com/

I commenti a questo post sono chiusi.

Post precedente:

Post successivo: